Autori - StoriaMeridiana

StoriaMeridiana
StoriaMeridiana
Vai ai contenuti
VITO TELESCA, Scrittore, saggista e divulgatore storico. Direttore di StoriaMeridiana e consigliere Nazionale di ManifestoCultura sotto il ministro Massimo Bray per la tutela del patrimonio storico e artistico italiano. In ordine cronologico è stato redattore e co-conduttore di “Sharing-Popoli che scelgono di incontrarsi”, per l’integrazione dei migranti in Italia. Ha pubblicato “Di padre in padre – viaggio nel rapporto tra padri e figli nella storia” (2008); “Francesco e Federico, due giganti allo specchio” (2013), StoriaMeridiana, dist. Feltrinelli. Il saggio è stato anche pubblicato sulla rivista ufficiale dei frati francescani “San Francesco Patrono d'Italia” e sul mensile vaticano dei “Papaboys”. Ha pubblicato una trilogia su Siponto e Monte Sant’Angelo per ManifestoCultura: “Siponto e il Protoromanico” (2017), “Il Castello di Monte Sant’Angelo” (2018) e “L’abbazia di Santa Maria di Pulsano” (2019). Ha pubblicato nel 2019 “Il sogno orientale, nascita e declino del rito bizantino in Terra d’Otranto. I possedimenti di San Nicola di Casole a nord di Brindisi”, editore StoriaMeridiana. Nel 2021 il libro “Il Medioevo nascosto di Locorotondo. Storia del Locus dalla fine dell’Impero Romano ai Del Balzo”, Boré Editore (Lecce) per StoriaMeridiana/Paese Vivrai. Ha curato le prefazioni storiche per il libro di Mimmo Minno “Locorotondo, Diario degli anni ‘60” (2020, ed. Boré Editore per StoriaMeridiana). Ha inoltre scritto per la pagina culturale, di storia e arte, per il quotidiano Cronache del Mezzogiorno e per ArcheoArte. Ha collaborato o attualmente scrive per diverse testate giornalistiche quali Il Roma-Cronache Lucane, Il Paese Nuovo, Il Quotidiano di Puglia, Passaggi a Sud-Talenti Lucani e con Paese Vivrai. Premio “Eccellenza Medievale 2014” dall’Associazione Nazionale “Sguardo sul Medioevo”, per il progetto legato a StoriaMeridiana.
Mimmo Minno è nato a Locorotondo nel 1950. Documentarista della storia locorotondese del novecento e con l'hobby della videofotografia, è divenuto testiomone di tantissime vicissitudini della storia valditriana attraverso racconti e testimonianze video di centinaia di protagonisti e volti, noti e meno noti. Ha iniziato a filmare negli anni settanta con una cinepresa Super8 in bianco e nero, riprendendo scorci e avvenimenti di quel periodo, registrando testimonianze relative ai primi anni del novecento, riscoprendo canti, danze e costumi dei tempi antichi. Affinando la sua tecnica di ripresa negli anni ottanta ha iniziato la sua collaborazione con l'emittente televisiva TeleLocorotondo creando un archivio video-fotografico di enorme valore storico culturale. Buona parte delle sue riprese vennero rese disponibili al pubblico ottenendo un grande successo e attirando l'attenzione della stampa con interviste e recenzioni su La Città, Il Paese Nuovo, Martina Sera, Paese Vivrai, Agorà e La Gazzetta del Mezzogiorno. I suoi filmati sono stati richiesti anche dalle scuole quali diretta testimonianza del recente passato, contribuendo anche alla realizzazione di progetti culturali (teatro, ecc..) legati a concorsi nazionali. Premiato nel 2002 dall'Associazione “Sport e Cultura” e nel 2012 dall’Associazione Culturale “Mancini e dintorni”. Attualmente si sta dedicando alla cura di un canale youtube attraverso il quale è possibile visionare una parte del suo enorme archivio storico legato alla “locorotondesità”.
RUGGIERO DORONZO è Dottore di ricerca in Scienze Filologiche, Letterarie, Storiche e Artistiche presso l’Università degli studi di Bari A. Moro, Cultore della materia di Storia dell’Arte moderna (prof.ssa Mimma Pasculli Ferrara), Socio ordinario di Società di Storia Patria per la Puglia e guida turistica abilitata presso la Regione Puglia. Ha preso parte a numerosi convegni nazionali e internazionali riguardanti la realtà santuariale e confraternale. I suoi molteplici interessi riguardano la pittura e la scultura pugliese e lucana di epoca moderna (1400-1700), con un’attenzione particolare ai rapporti attivi nello scambio di modelli e stilemi provenienti da Napoli, ma inclusi nel panorama europeo. È autore di diversi saggi e delle monografie “La bellezza del divino. Le opere pugliesi di Cesare Fracanzano” (2013), per la quale ha vinto nel 2014 il Premio Regionale per gli Studi Storici “Francesco M. de’ Robertis”, “La chiesa di San Donato a Ripacandida. Storia e arte di un santuario lucano dimenticato” (2018), “Fonti per la Regio Vulturis. Arte e devozione nella Terra di Ripacandida” (2019) e, con Mimma Pasculli Ferrara, “La basilica di Santa Caterina d’Alessandria a Galatina” (2019). Ha collaborato alla stesura della seconda edizione di "Francesco e Federico, due giganti allo specchio" (2022)
Leonardo Pisani scrittore e giornalista classe 1969 di Avigliano (Pz). Ha lavorato con la Nuova del Sud e La Nuova Tv, il Consiglio Regionale della Basilicata, il Consorzio Editori Radiofonici Lucani e l’ufficio stampa della Regione Basilicata. Attualmente è redattore per Passaggio a Sud-Talenti Lucani È stato responsabile della cultura del quotidiano Cronache Lucane e Cronache del Mezzogiorno e  delle reti televisive Cronache Lucane Tv e Basilicata 1.  Collabora dal 2017 con la rubrica “Buongiorno Regione Basilicata” su Rai 3 con uno spazio dedicato alla storia e ai personaggi della Basilicata. Si occupa della comunicazione social del Consiglio Regionale della Basilicata. Ha partecipato a diversi concorsi letterari e di poesia. Appassionato di storia normanna è attivo con uno suo blog. Alcuni suoi lavori si trovano in raccolte come “La Città Svelata” (2015 e 2016) editrice Universosud, “Il biondo” (2016) – Sud’Altro Editore. http://leonardopisani.blogspot.it
StoriaMeridiana
Gruppo per la valorizzazione, la diffusione e la promozione
del patrimonio storico, artistico e culturale del sud Italia
Torna ai contenuti